fbpx

Sapevate che la vite è un arbusto rampicante?

Sapevate che la vite è un arbusto rampicante? In natura tende a strisciare sul terreno ma….

,… se vicino a lei vi sono dei sostegni o altre piante, riesce ad aggrapparvisi e a sostenersi in posizione eretta grazie ai viticci.

Il viticcio

Il viticcio è una modificazione del fusto della vite e si presenta come un filamento semplice, ma può essere anche bifido o trifido. È un organo dotato di tigmotropismo (un termine che deriva dal greco “tigmo” che significa “tocco” e “tropismo” che significa “girare”), un movimento  che avviene in risposta ad uno stimolo tattile o di contatto.

Tigmotropismo

Il viticcio è cioè attratto da possibili appigli e nel momento in cui li tocca, le sue cellule iniziano a produrre l’ormone vegetale auxina, un ormone particolarmente concentrato nei tessuti giovani in via di sviluppo soprattutto a livello degli apici dei germogli, che viene poi trasportato alle cellule vicine che crescono più velocemente delle altre.

Ecco allora che il viticcio inizia ad agganciarsi al sostegno con movimenti circolari a spirale, in modo da creare una  salda presa. Un viticcio ben avvolto può reggere un peso fino a 1 Kg

Durante l’inverno i viticci lignificano come le altre parti della vite formando delle vere e proprie piccole, delicate sculture, quasi delle opere d’arte! a spirale e la loro presa sui fili è così tenace che può rendere più faticosa la stralciatura invernale.

 

 

 

 

Il loro avvolgersi a spirale sui fili in grovigli con una presa  tanto tenace può rendere più faticoso staccare i tralci al momento della stralciatura.

Una piccola curiosità: un altro termine per definire i viticci è… cirri!

 

di Silvia Cirri e Linda Franceschi

 

I premi vinti

Bolgheri DOC Agapanto 2018 91 POINTS MEDAL 2021
Bolgheri D.O.C. Agapanto 2018 91 POINTS MEDAL 2021

Toscana IGT Elleboro 2020
90 POINTS MEDAL 2021

Premio Gilbert & Gaillard

Bolgheri D.O.C. Agapanto 2016
Médaille d’OR 2019

Premio Gilbert & Gaillard
Costa Toscana I.G.T. Elleboro 2018 Médaille d’OR 2019